L’immagine da film horror di vittime con mani e braccia tagliate in un tritarifiuti è un’invenzione hollywoodiana. In realtà, le lame all’interno di un tritarifiuti sono smerigliatrici piuttosto spente, non sciabole lucenti e affilate come rasoi. Questo non vuol dire che un tritarifiuti debba essere preso alla leggera – è infatti possibile che ci si ferisca dolorosamente se non si praticano le misure di sicurezza di base.

Ma c’è davvero solo una regola da seguire: Non mettere mai la mano o le dita nel tritarifiuti, anche se si pensa che il dissipatore sia stato scollegato o che il suo circuito sia stato chiuso. Non mettete mai le mani in un tritarifiuti acceso.

Se si segue questa regola di base, i problemi più comuni con un tritarifiuti sono facili da diagnosticare e quasi sempre facili da risolvere.

Il tritarifuti non si accende

Se il dissipatore non si accende quando si aziona l’interruttore e non si sente il ronzio del motore, ciò indica che c’è un problema elettrico che impedisce all’apparecchio di prendere corrente. Per identificare il problema e risolverlo, iniziare con il problema più probabile (e la soluzione più semplice) e procedere con il più complicato:

  • Assicuratevi che il dissipatore sia collegato alla rete elettrica. Questo può sembrare ovvio, ma i rappresentanti del servizio clienti dell’apparecchio riferiscono che la mancata connessione alla rete elettrica è di gran lunga la fonte di problemi più comune.
  • Se è collegato, premere il pulsante di reset che si trova sul fondo dell’apparecchio. Questo pulsante rosso aziona una funzione di interruttore automatico incorporato, e se il pulsante di reset è “scattato”, sarà leggermente spuntato verso l’esterno. Basta spingerlo indietro per resettare l’unità.
  • Se la pressione del pulsante di reset dello smaltimento non funziona, controllare il pannello di servizio principale per vedere se l’interruttore automatico è scattato. In caso affermativo, resettare la leva dell’interruttore automatico.
  • Se la causa non è né il pulsante di reset né l’interruttore automatico, allora è possibile che ci sia un problema di cablaggio con l’interruttore che controlla il dissipatore, o che lo stesso smaltimento dei rifiuti sia difettoso.
  • Per prima cosa, individuare l’interruttore che alimenta l’unità di smaltimento. Dovrebbe essere posizionato sulla parete, ma potrebbe essere sotto il lavandino.
  • Sul pannello di servizio principale, spegnere l’interruttore che alimenta il circuito di smaltimento.
  • Smontare l’interruttore che controlla il dissipatore. Ispezionare i collegamenti dei cavi. In alcuni casi, un semplice collegamento allentato può essere la causa del problema, e il rimedio è semplice come stringere i collegamenti dei fili.
  • Se i collegamenti dei fili sono sicuri, è possibile che l’interruttore stesso sia difettoso. Sostituire l’interruttore.
  • Riaccendere l’alimentazione sul pannello di servizio e controllare il funzionamento dello smaltimento.
  • Se il dissipatore non si accende ancora e il motore non fa rumore, il dissipatore dei rifiuti è irreparabile e deve essere sostituito.

Si accende ma non gira il dissipatore

Se il tritarifiuti non si accende, ma il motore emette un ronzio quando si aziona l’interruttore, indica che il volano interno è inceppato. Di solito, questo fa scattare il pulsante di reset dell’apparecchio o l’interruttore automatico scatta molto rapidamente. Non è una situazione che si vuole continuare a lungo, perché può bruciare il motore dell’apparecchio, a meno che il pulsante di reset o l’interruttore automatico non spenga tutto.

Il problema è quasi sempre dovuto al fatto che tra la girante o le giranti e l’anello di triturazione all’interno dello smaltitore si trova un alimento o un oggetto estraneo. (Conoscere l’anatomia di un tritarifiuti per meglio identificare le varie parti).

Promemoria: Non mettere mai la mano nella tramoggia del tritarifiuti (camera di triturazione).

  • Disattivare l’alimentazione del tritarifiuti sul quadro elettrico di servizio spegnendo l’interruttore che controlla il circuito. Inoltre, spegnere l’interruttore a muro che controlla il dissipatore.
  • Prendere la chiave offset fornita con l’unità di smaltimento e inserirla nel foro di rotazione del volano sul fondo dell’unità. Se non avete la chiave, potete prenderne una dal ferramenta che vende il vostro tritarifiuti. Può funzionare anche una grande chiave a brugola (esagonale).
  • Una volta inserita la chiave, ruotarla in senso orario per rimuovere la girante o il volano bloccato. Quando si stacca, sentirete il volano girare liberamente.
  • Un altro approccio è quello di utilizzare un manico di legno a cucchiaio o un oggetto di legno simile per raggiungere il dissipatore attraverso l’apertura di scarico, usandolo come leva per liberare il volano bloccato. Se ci riuscite, sentirete il volano iniziare a girare liberamente.
  • Utilizzare una torcia elettrica per guardare verso il basso nello smaltimento. Se vedete l’oggetto che ha causato la marmellata (ossa di carne capricciose e pezzi di stoviglie sono colpevoli comuni), usate delle pinze per rimuovere l’oggetto estraneo.
  • Una volta liberato il volano, riaccendete la corrente sul pannello di servizio principale, ma non accendete ancora il dissipatore.
  • Tornare al tritarifiuti e premere il pulsante rosso di reset sul fondo.
  • Far scorrere un po’ di acqua di rubinetto nello smaltimento e accendere e spegnere rapidamente l’interruttore per un breve scoppio. Accendere e spegnere di nuovo rapidamente. In questo modo si dovrebbe far girare il volano e far sì che i detriti eventualmente staccati vengano scaricati nello scarico.

Il dissipatore alimentare perde

Le perdite di smaltimento dei rifiuti possono verificarsi da diversi punti del tritarifiuti. Le aree comuni includono la flangia del lavello dove lo smaltimento si collega al fondo del lavello, il tubo che porta dalla lavastoviglie al tritarifiuti e il tubo che scarica i rifiuti dal tritarifiuti al sistema di scarico.

Perdita alla flangia del lavello

La vibrazione costante di un tritarifiuti, nel tempo, può allentare l’apparecchio di montaggio che trattiene l’apparecchio all’apertura di scarico del lavandino. Questa flangia di montaggio del lavello è un probabile punto di perdita.

Disattivare l’alimentazione dello smaltimento al pannello di servizio elettrico spegnendo l’interruttore automatico che lo controlla.
All’anello di montaggio del dissipatore sotto il lavandino, girare il dissipatore verso sinistra (in senso antiorario dal basso) per allentare e rimuovere l’apparecchio dalla sua flangia di montaggio.
Serrare i tre bulloni di montaggio che tengono la flangia al lavandino.
Se i bulloni sono serrati, la perdita può essere causata da un guasto dello stucco dell’idraulico. Allentare i bulloni e spingere la flangia del lavello leggermente al di sopra della superficie del lavello.
Forzare una perlina di stucco idraulico nuovo tra la flangia del lavandino e il lavandino, andando completamente intorno alla flangia.
Serrare di nuovo i bulloni di montaggio dal basso, disegnando la flangia del lavello aderente alla superficie del lavello. Quando lo stucco in eccesso trasuda, pulire via l’eccesso.
Reinstallare il dissipatore e riaccendere l’alimentazione sul pannello di servizio.
Controllare la presenza di perdite mentre si fa scorrere l’acqua nel lavello.
Perdita al collegamento della lavastoviglie
Anche il tubo di gomma che convoglia l’acqua di scarico dalla lavastoviglie al tritarifiuti è un luogo in cui i conduttori sono frequenti.

Serrare la fascetta stringitubo del tubo flessibile della lavastoviglie collegata all’ingresso della lavastoviglie sul tritarifiuti.
Sostituire il tubo flessibile se il tubo continua a perdere.
Perdita al tubo di scarico dello scarico
Un altro tubo di plastica trasporta l’acqua di scarico dal tritarifiuti al sifone del lavandino, e questo raccordo può perdere quando la guarnizione diventa vecchia.

Controllare i bulloni che tengono il tubo di scarico al tritarifiuti, assicurandosi che siano ben stretti.
Se questo non funziona, rimuovere i bulloni e il tubo e sostituire la guarnizione di tenuta tra il tubo e il dissipatore.
Reinstallare i bulloni e stringerli.

Il tritarifiuti scarica molto lentamente

Il lento drenaggio di un tritarifiuti può essere causato da una serie di problemi, ma di solito è causato dallo stesso tipo di intasamento che può rallentare qualsiasi scarico del lavandino. Di solito, il rimedio consiste nello smontare il sifone di scarico e il tubo di scarico e nel rimuovere eventuali rifiuti alimentari che intasano i tubi.

Rimuovere i bulloni che tengono il tubo di scarico al tritarifiuti.
Scollegare il sifone di scarico e rimuovere il sifone e il tubo di scarico.
Controllare che non vi siano ostruzioni o intasamenti e ripulire tutto ciò che si trova.
Se non ne trovate, l’intasamento si trova probabilmente sulla linea di scarico di derivazione che va verso il muro. Rimuovere l’ostruzione con una coclea per lavello.

Rimontare il sifone di scarico e ricollegare il tubo di scarico al lato del tritarifiuti.
Far scorrere l’acqua, accendere il tritarifiuti e controllare che l’acqua scorra liberamente.

Avvertenza

Non utilizzare mai detergenti chimici per lo scarico dei rifiuti con un tritarifiuti. Queste sostanze chimiche raramente funzionano, lasciandovi con un lavandino pieno di sostanze chimiche tossiche. Inoltre, tali sostanze chimiche spesso danneggiano il dissipatore dei rifiuti e annullano la garanzia del produttore (InSinkErator, Bort, Franke, ForHome).